Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Sedazione cosciente

La sedazione qui propriamente definita "cosciente" consiste nella somministrazione di una miscela di protossido d’azoto e di ossigeno per via orale, secondo protocolli ampiamente sperimentati in Italia e all'estero, ormai da più di un decennio. L’inalazione di queste sostanze induce il paziente, che deve sottoporsi ad un trattamento terapeutico-odontoiatrico, ad una piacevole sensazione di rilassamento psico-fisico, mantenendo uno status di coscienza solo lie- vemente attenuato, che tuttavia gli permette di collaborare col medico. Essa viene effettuata esclusivamente dallo specialista. Gli interventi che vengono più comunemente eseguiti, utilizzando la sedazione cosciente, sono quelli di implantologia dentale e di tutta la chirurgia orale in pazienti emotivi o incapaci di sottoporsi ad interventi in anestesia locale senza timore o agitazione. Non è esclusa, ove si ritenga opportuna, nella mera ablazione del tartaro. Le controindicazioni all’ausilio della sedazione cosciente O2/NO2 sono del tutto relative e interessano:
 

- Pazienti claustrofobici;

- Pazienti affetti da malattia polmonare ostruttiva cronica o semplicemente incapaci di
  adeguata respirazione nasale;

- Pazienti gravide nell’ultimo trimestre.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Accesso utente